L’emicrania e le patologie correlate ai livelli di glucosio nel sangue, come il diabete di tipo 2, sono ampiamente riconosciute come disordini comorbidi comuni, ma ora gli scienziati hanno scoperto un concreto collegamento genetico che potrebbe aprire una nuova area di terapia per queste patologie debilitanti. I ricercatori dell’Università della Tecnologia del Queensland in Australia hanno scoperto i geni responsabili che legano molte persone affette da emicrania e cefalea ai problemi glicemici, creando un effetto doppio di problemi di salute. Si stima che l’emicrania colpisca oltre il 10% della popolazione mondiale ed è circa tre volte più comune nelle donne, colpendo oltre il 17% delle donne negli Stati Uniti. “Già nel 1935, l’emicrania è stata descritta come un “mal di testa glicemico”, ha affermato Dale Nyholt, professore presso il Centro per la genomica e la salute personalizzata della QUT. “I problemi glicemici come la resistenza insulinica, l’iperinsulinemia (troppa insulina), l’ipoglicemia (livello basso di zucchero nel sangue) e il diabete di tipo 2 sono associati all’emicrania e alla cefalea.” I ricercatori hanno analizzato i genomi di migliaia di pazienti con emicrania per determinare eventuali collegamenti genetici. Hanno eseguito analisi incrociate per identificare regioni genomiche, loci, geni e percorsi condivisi e poi hanno testato le relazioni causali. “Delle nove patologie glicemiche che abbiamo esaminato, abbiamo trovato una significativa correlazione genetica per l’insulina a digiuno (livello di insulina nel sangue) e l’emoglobina glicata sia con l’emicrania che con la cefalea, mentre il glucosio a due ore era geneticamente correlato solo con l’ emicrania”, ha affermato Rafiqul Islam, ricercatore PhD presso la QUT. “Abbiamo anche trovato regioni che ospitano fattori di rischio genetici condivisi tra emicrania e insulina a digiuno, glucosio a digiuno e emoglobina glicata e, per la cefalea, regioni condivise con glucosio, insulina a digiuno, emoglobina glicata e proinsulina a digiuno”. La sovrapposizione genetica rappresenta un importante passo avanti nella comprensione di come l’emicrania e le patologie glicemiche correlate si presentano e apre nuove opportunità per l’intervento medico. “Identificando correlazioni genetiche e regioni e geni condivisi nelle nostre analisi, abbiamo inferito un’associazione causale e quindi confermato e migliorato la comprensione della relazione tra emicrania, cefalea e patologie glicemiche”, ha affermato Nyholt. L’approfondimento della comprensione di questa correlazione genetica rappresenta una notizia positiva per i milioni di persone in tutto il mondo che gestiscono queste importanti problematiche di salute. “I nostri risultati forniscono strade per sviluppare nuove strategie di trattamento per gestire i tratti glicemici nei pazienti affetti da emicrania e mal di testa, in particolare aumentando il livello di proinsulina a digiuno per proteggere contro il mal di testa”, ha aggiunto Islam. Lo studio è stato pubblicato sulla rivista Human Genetics. Fonte: Queensland University of Technology.

Commento:

Ci sono voluti quasi 90 anni per dimostrare in modo concreto l’associazione tra lo zucchero e l’emicrania, ma come si suol dire “meglio tardi che mai”. Da circa tre decenni, ogni paziente che mi riferisce di questo problema ha sentito da me la connessione tra questa e tutte le altre patologie croniche infiammatorie e una pessima gestione della glicemia. La mia dieta, chetogenica antinfiammatoria, la Ketozona Diet, ha sempre risolto brillantemente i vari problemi dei miei pazienti. Finalmente, anche la ricerca scientifica ha dimostrato che l’uso corretto della dieta non solo risolve ma, anzi, previene l’emicrania, la cefalea e molte altre patologie. Ma quando i clinici smetteranno di usare protocolli farmacologici errati e abbracceranno la verità? Probabilmente mai. Solo il tempo ci dirà se ho ragione. Nel frattempo, milioni di persone continueranno a soffrire e ad essere trattate farmacologicamente senza risultati e, anzi, con gravi potenziali rischi secondari dovuti al trattamento farmacologico.

Lo studio è stato pubblicato sulla rivista Human Genetics.

Fonte: Queensland University of Technology

Autore

  • Gino F. Caletti

    Gino Franco Caletti nasce a Gallarate (VA) nel 1961. Conseguita la laurea in Medicina e Chirurgia si allontana dal concetto di “cura” tradizionalmente inteso, basato sulla terapia farmacologica, divenendo col tempo riconosciuto Esperto di Medicina Naturale. Da ventinove anni ricerca e sperimenta con successo metodi di applicazione clinica della biochimica umana e diffonde il concetto innovativo di dieta anti-infiammatoria, che vede l’alimentazione come mezzo di prevenzione e di cura delle malattie. Conferenziere e scrittore, diffonde le sue conoscenze attraverso questo Blog e con video spaziando a 360° sul tema di salute, malattia e prevenzione.

    Visualizza tutti gli articoli