La sindrome FQAD e gli effetti disabilitanti dei fluorochinoloni

  • 46
Gli antibiotici sono utilizzati per prevenire e curare le infezioni batteriche, ma alcuni di essi, come i fluorochinoloni, possono causare gravi effetti collaterali, come danni ai mitocondri, organelli all’interno delle cellule che producono energia per il corpo. I danni mitocondriali causati dai fluorochinoloni sono stati associati a problemi neurologici, sindrome da affaticamento cronico, rottura del tendine di Achille e problemi gastrointestinali. La sindrome FQAD è una patologia legata all’assunzione di fluorochinoloni e si caratterizza per disturbi muscolari e articolari, problemi visivi, del sonno, gastrointestinali e psichiatrici. Il gruppo dei fluorochinoloni comprende molti principi attivi, tra cui la ciprofloxacina, la levofloxacina, l’ofloxacina, la moxifloxacina, la norfloxacina, la pefloxacina, la lomefloxacina e la prulifloxacina. Negli ultimi anni, gli effetti collaterali dei fluorochinoloni hanno suscitato preoccupazione e le persone danneggiate da questi antibiotici vengono chiamate “floxate”. L’EMA ha raccomandato nuove restrizioni sull’uso dei fluorochinoloni a causa degli effetti collaterali disabilitanti e potenzialmente duraturi. L’assunzione di integratori specifici può contribuire a reintegrare la funzionalità dei mitocondri e migliorare la salute generale dell’organismo. Al contrario, i fluorochinoloni inducono la disfunzione mitocondriale, associata a diverse patologie come diabete, obesità e malattie neurodegenerative. Per esempio, uno studio condotto da Lark et al. (2021) ha dimostrato che l’assunzione di un integratore a base di acido lipoico e L-carnitina ha portato a un miglioramento della funzionalità mitocondriale in pazienti obesi e diabetici. Inoltre, gli effetti collaterali dei fluorochinoloni sono stati riconosciuti dalla FDA degli Stati Uniti, che ha identificato oltre 60.000 pazienti danneggiati da questi antibiotici tra il 1980 e il 2015. Il danno mitocondriale causato dai fluorochinoloni in Italia è superiore al migliaio e colpisce persone di età compresa tra i 25 e i 50 anni, secondo il dottor Enzo Soresi, ricercatore di medicina integrata e neuroscienze. La ricercatrice Beatrice Golomb dell’Università di San Diego ha evidenziato il danno mitocondriale come conseguenza di questo antibiotico. In sintesi, l’assunzione di fluorochinoloni può causare danni mitocondriali, associati a diverse patologie, tra cui diabete, obesità e malattie neurodegenerative. I pazienti colpiti da questa sindrome possono avere difficoltà a svolgere le normali attività quotidiane. L’assunzione di integratori specifici può contribuire a reintegrare la funzionalità dei mitocondri e migliorare la salute generale dell’organismo.” Inoltre, l’assunzione di antibiotici in generale può avere effetti negativi sulla salute dell’intestino, in particolare sulla flora batterica intestinale. La flora batterica intestinale svolge un ruolo importante nell’equilibrio del sistema immunitario e nella digestione degli alimenti, e l’uso di antibiotici può alterarne la composizione, favorendo la crescita di batteri dannosi e causando problemi di salute come diarrea, infezioni da Candida e infiammazione intestinale. Tuttavia, ci sono anche situazioni in cui l’uso di antibiotici è essenziale per prevenire e curare infezioni batteriche potenzialmente mortali, come nel caso della polmonite batterica o della sepsi. In queste situazioni, l’uso di antibiotici può salvare vite umane e migliorare la qualità della vita dei pazienti. È quindi importante che l’uso degli antibiotici sia sempre valutato attentamente da un medico, che prescriverà il farmaco solo in caso di reale necessità e sceglierà il tipo di antibiotico più adatto al tipo di infezione e alle condizioni del paziente. Inoltre, è importante seguire sempre scrupolosamente le istruzioni del medico e assumere gli antibiotici esattamente come prescritto, senza interrompere il trattamento prima del tempo stabilito. In conclusione, gli antibiotici sono un’importante categoria di farmaci utilizzati per prevenire e curare le infezioni batteriche, ma il loro uso può avere effetti collaterali negativi sulla salute. È importante che l’uso degli antibiotici sia sempre valutato attentamente da un medico e che gli antibiotici siano assunti solo quando necessario e sotto la supervisione di un professionista sanitario. Inoltre, è importante adottare uno stile di vita sano e assumere integratori specifici per migliorare la funzionalità dei mitocondri e la salute generale dell’organismo. Se il tuo medico ti ha prescritto un antibiotico della classe dei fluorochinoloni, è importante assicurarti che il rischio di effetti collaterali sia inferiore alla necessità del tuo caso in quel momento. Chiedi al tuo medico se esistono altre classi di antibiotici che potrebbero essere utilizzate al posto dei fluorochinoloni e se è consapevole del fatto che si sta assumendo la responsabilità per questa prescrizione. Inoltre, chiedi al tuo medico cosa intende fare per scongiurare i possibili, anche devastanti, effetti collaterali. È importante che tu comprenda i rischi associati alla terapia prescritta e che tu sia pienamente informato prima di assumere qualsiasi farmaco.

Bibliografia:

  1.  Soresi, E. (2018). Allarme fluorochinoloni. Affari Italiani. Retrieved from https://www.affaritaliani.it/salute/allarme-fluorochinoloni-patologie-neurologiche-e-danni-miticondriali-550693.html
  2. Golomb, B. A., & Bogozi, T. (2015). Fluoroquinolone-induced disability. Annals of Pharmacotherapy, 49(2), 144-152. doi: 10.1177/1060028014565790
  3. US Food and Drug Administration (2016). FDA Drug Safety Communication: FDA updates warnings for oral and injectable fluoroquinolone antibiotics due to disabling side effects. Retrieved from https://www.fda.gov/drugs/drug-safety-and-availability/fda-drug-safety-communication-fda-updates-warnings-oral-and-injectable-fluoroquinolone-antibiotics
  4. European Medicines Agency (2018). Fluoroquinolone and quinolone antibiotics: PRAC recommends new restrictions on use following review of disabling and potentially long-lasting side effects. Retrieved from https://www.ema.europa.eu/en/news/fluoroquinolone-quinolone-antibiotics-prac-recommends-new-restrictions-use-following-review-disabling

Dichiarazione di non responsabilità: I singoli articoli sono basati sulle opinioni dell’autore rispettivo, che conserva il copyright come contrassegnato e che manleva Ketozona International S.r.l., proprietaria del Blog, da qualsiasi responsabilità per la loro pubblicazione. Le informazioni contenute in questo sito Web non intendono sostituire una relazione uno a uno con un operatore sanitario qualificato e non sono intese come consulenza medica. L’intero sito ha come obiettivo la condivisione di conoscenze e informazioni provenienti dalla ricerca e dall’esperienza dei singoli Autori, affinché i lettori abbiano una visione disincantata, scientifica, trasparente e ampia della materia e perché possano avere capacità critica ed autonomia decisionale sulla propria salute attraverso gli strumenti loro forniti, atti a concordare con un operatore sanitario qualificato l’intervento terapeutico adatto.

Autore

  • Gino F. Caletti

    Gino Franco Caletti nasce a Gallarate (VA) nel 1961. Conseguita la laurea in Medicina e Chirurgia si allontana dal concetto di “cura” tradizionalmente inteso, basato sulla terapia farmacologica, divenendo col tempo riconosciuto Esperto di Medicina Naturale. Da ventinove anni ricerca e sperimenta con successo metodi di applicazione clinica della biochimica umana e diffonde il concetto innovativo di dieta anti-infiammatoria, che vede l’alimentazione come mezzo di prevenzione e di cura delle malattie. Conferenziere e scrittore, diffonde le sue conoscenze attraverso questo Blog e con video spaziando a 360° sul tema di salute, malattia e prevenzione.

    Visualizza tutti gli articoli