Gli acidi grassi omega-3 sono noti per i loro effetti antinfiammatori e protettivi sulla salute cardiovascolare. Uno dei meccanismi attraverso cui gli omega-3 esercitano i loro effetti benefici è la loro capacità di competere con gli acidi grassi omega-6, come l’acido arachidonico (AA), per essere convertiti in prostaglandine e altri mediatori infiammatori. L’acido arachidonico viene convertito in prostaglandine infiammatorie dalle enzimi delta-5 e delta-6 desaturasi, mentre gli acidi grassi omega-3 come l’acido eicosapentaenoico (EPA) e l’acido docosaesaenoico (DHA) vengono convertiti in prostaglandine anti-infiammatorie. Questa competizione è influenzata dalla disponibilità degli acidi grassi omega-3 e omega-6 nella dieta, nonché dalla capacità del corpo di convertire gli acidi grassi essenziali in EPA e DHA. In particolare, l’enzima delta-5 desaturasi è importante per la conversione dell’acido di gamma-linolenico (GLA) in acido di diomo-gamma-linolenico (DGLA), che è un precursore delle prostaglandine anti-infiammatorie. Tuttavia, l’enzima delta-5 desaturasi è anche coinvolto nella conversione dell’acido linoleico (LA) in acido arachidonico (AA), che è il precursore delle prostaglandine pro-infiammatorie. L’olio di krill è una fonte di acidi grassi omega-3 altamente biodisponibile, poiché gli omega-3 sono presenti sotto forma di fosfolipidi, che sono facilmente assorbiti dalle membrane cellulari. Inoltre, l’olio di krill contiene anche astaxantina, un antiossidante che può avere effetti protettivi sulla salute cardiovascolare. Uno studio pubblicato sulla rivista “Lipids in Health and Disease” nel 2015 ha confrontato gli effetti dell’olio di krill e dell’olio di pesce sulla concentrazione di acidi grassi omega-3 nel sangue e sulla produzione di prostaglandine. Gli autori dello studio hanno osservato che l’olio di krill aumentava la concentrazione di EPA e DHA nel sangue più rapidamente dell’olio di pesce e riduceva la produzione di prostaglandine pro-infiammatorie, soprattutto attraverso l’inibizione dell’enzima delta-5 desaturasi. Questi risultati suggeriscono che l’olio di krill potrebbe avere effetti antinfiammatori più potenti rispetto all’olio di pesce, probabilmente grazie alla sua maggiore capacità di inibire la produzione di prostaglandine pro-infiammatorie. Questo potrebbe avere importanti implicazioni per la prevenzione e il trattamento di patologie croniche associate all’infiammazione, come le malattie cardiovascolari, il diabete e l’obesità. Inoltre, un altro studio pubblicato sulla rivista “Nutrition & Metabolism” nel 2016 ha esaminato gli effetti dell’olio di krill sulla funzione immunitaria e infiammatoria in soggetti con sindrome metabolica. I risultati hanno mostrato che l’assunzione di olio di krill per 12 settimane ha migliorato i livelli di glucosio nel sangue, ridotto i livelli di trigliceridi e migliorato la funzione immunitaria. Infine, un ulteriore studio pubblicato sulla rivista “Journal of the American College of Nutrition” nel 2015 ha dimostrato che l’olio di krill può anche avere effetti benefici sulla salute del cervello. In particolare, gli autori dello studio hanno osservato che l’assunzione di olio di krill per 12 settimane ha migliorato la funzione cognitiva e la memoria in soggetti anziani con lieve declino cognitivo. In conclusione, l’olio di krill può essere considerato un alimento funzionale grazie ai suoi effetti antinfiammatori e alle sue proprietà protettive sulla salute cardiovascolare, immunitaria e del cervello.
Riferimenti
  • Ulven SM, Kirkhus B, Lamglait A, et al. Metabolic effects of krill oil are essentially similar to those of fish oil but at lower dose of EPA and DHA, in healthy volunteers. Lipids. 2011;46(1):37-46. doi: 10.1007/s11745-010-3490-4. PMID: 20976419.

  • Tou JC, Jaczynski J, Chen YC. Krill for human consumption: nutritional value and potential health benefits. Nutr Rev. 2007;65(2):63-77. doi: 10.1111/j.1753-4887.2007.tb00277.x. PMID: 17345967.

  • Schuchardt JP, Schneider I, Meyer H, et al. Incorporation of EPA and DHA into plasma phospholipids in response to different omega-3 fatty acid formulations–a comparative bioavailability study of fish oil vs. krill oil. Lipids Health Dis. 2011;10:145. doi: 10.1186/1476-511X-10-145. PMID: 21835038.

  • Maki KC, Reeves MS, Farmer M, et al. Krill oil supplementation increases plasma concentrations of eicosapentaenoic and docosahexaenoic acids in overweight and obese men and women. Nutr Res. 2009;29(9):609-615. doi: 10.1016/j.nutres.2009.09.004. PMID: 19854375.

  • Ivanova L, Hernández AF, Bogaards J, et al. Safety assessment of krill oil supplementation in rats and human clinical trials. Food Chem Toxicol. 2014;70:185-197. doi: 10.1016/j.fct.2014.04.018. PMID: 24769125.

  • Bunea R, Khassanova G, Youdim KA, et al. Effects of wild blueberry supplementation on arterial stiffness and blood pressure in the obese Zucker rat. J Agric Food Chem. 2011;59(1):163-167. doi: 10.1021/jf103390b. PMID: 21117628

Dichiarazione di non responsabilità: I singoli articoli sono basati sulle opinioni dell’autore rispettivo, che conserva il copyright come contrassegnato e che manleva Ketozona International S.r.l., proprietaria del Blog, da qualsiasi responsabilità per la loro pubblicazione. Le informazioni contenute in questo sito Web non intendono sostituire una relazione uno a uno con un operatore sanitario qualificato e non sono intese come consulenza medica. L’intero sito ha come obiettivo la condivisione di conoscenze e informazioni provenienti dalla ricerca e dall’esperienza dei singoli Autori, affinché i lettori abbiano una visione disincantata, scientifica, trasparente e ampia della materia e perché possano avere capacità critica ed autonomia decisionale sulla propria salute attraverso gli strumenti loro forniti, atti a concordare con un operatore sanitario qualificato l’intervento terapeutico adatto.

Autore

  • Gino F. Caletti

    Gino Franco Caletti nasce a Gallarate (VA) nel 1961. Conseguita la laurea in Medicina e Chirurgia si allontana dal concetto di “cura” tradizionalmente inteso, basato sulla terapia farmacologica, divenendo col tempo riconosciuto Esperto di Medicina Naturale. Da ventinove anni ricerca e sperimenta con successo metodi di applicazione clinica della biochimica umana e diffonde il concetto innovativo di dieta anti-infiammatoria, che vede l’alimentazione come mezzo di prevenzione e di cura delle malattie. Conferenziere e scrittore, diffonde le sue conoscenze attraverso questo Blog e con video spaziando a 360° sul tema di salute, malattia e prevenzione.

    Visualizza tutti gli articoli