• 45

un dolcificante naturale sicuro e salutare con proprietà aggiuntive.

Introduzione

L’eritritolo è un dolcificante che si trova naturalmente in alcune piante, come la frutta e alcune specie di funghi. Tuttavia, la maggior parte dell’eritritolo utilizzato a fini commerciali viene prodotto industrialmente tramite fermentazione.

La fermentazione dell’eritritolo può essere ottenuta da diversi zuccheri come il glucosio, il saccarosio e il maltosio. I batteri utilizzati nella fermentazione trasformano questi zuccheri in eritritolo attraverso una serie di reazioni biochimiche.

Una volta che l’eritritolo viene prodotto, viene purificato per rimuovere eventuali impurità e ottenere un prodotto finale puro e cristallino.

L’eritritolo ottenuto tramite fermentazione è considerato un ingrediente naturale e sicuro per l’uso alimentare, poiché il processo di produzione non utilizza sostanze chimiche nocive o sintetiche.

L’eritritolo è un dolcificante naturale a basso contenuto calorico e a basso indice glicemico, spesso usato come alternativa allo zucchero in molte bevande e alimenti. È stato introdotto per la prima volta nel mercato giapponese nel 1990 e da allora è diventato sempre più popolare in tutto il mondo. L’eritritolo è stato approvato dalla Food and Drug Administration degli Stati Uniti (FDA) come dolcificante sicuro nel 2001.

L’eritritolo è una scelta sicura come sostituto dello zucchero poiché non ha effetti negativi sul sistema cardiovascolare. A differenza dello zucchero, l’eritritolo non contribuisce al sovraccarico di glucosio nel sangue, al quale è stato associato un aumento del rischio di malattie cardiovascolari, come l’aterosclerosi e l’infarto del miocardio.

Uno studio condotto su 485 partecipanti ha dimostrato che l’assunzione di eritritolo non ha influenzato significativamente i livelli di colesterolo, trigliceridi e pressione sanguigna, a differenza dell’assunzione di zucchero, che ha portato ad un aumento significativo di questi fattori di rischio cardiovascolare.

Inoltre, diversi studi hanno dimostrato che l’eritritolo non influisce sulla pressione sanguigna e sui fattori di rischio cardiovascolari. Ad esempio, uno studio pubblicato sul Journal of Nutrition and Metabolism ha confrontato gli effetti dell’eritritolo e dello zucchero sui fattori di rischio cardiometabolici in soggetti obesi e sovrappeso. I risultati hanno mostrato che l’eritritolo non ha influenzato i livelli di glicemia, insulina, lipidi nel sangue e pressione sanguigna, mentre lo zucchero ha aumentato significativamente questi fattori di rischio.

Un altro studio pubblicato sul Journal of Dental Research ha esaminato gli effetti dell’eritritolo sulla salute orale. I ricercatori hanno scoperto che l’eritritolo non promuove la crescita batterica associata alla carie dentale, a differenza dello zucchero.

Benefici dell’eritritolo

  • Effetto minimo sull’indice glicemico. L’eritritolo ha un indice glicemico molto basso e non provoca picchi di zucchero nel sangue, il che lo rende una scelta sicura per i diabetici. L’eritritolo non richiede insulina per essere metabolizzato e quindi non influisce sull’equilibrio glicemico(2,4).
  • Proprietà cariostatiche. L’eritritolo può aiutare a prevenire la carie dentale. Gli studi hanno dimostrato che l’eritritolo non viene metabolizzato dai batteri presenti nella cavità orale, il che significa che non produce acidi che causano la carie dentale(3).
  • Effetto prebiotico. L’eritritolo ha anche dimostrato di avere un effetto prebiotico, favorendo la crescita di batteri benefici nell’intestino. Uno studio ha dimostrato che l’eritritolo può aumentare la popolazione di bifidobatteri nell’intestino, che sono noti per migliorare la salute dell’intestino e del sistema immunitario(5).
  • Proprietà antiossidanti. L’eritritolo è un antiossidante naturale, che può aiutare a prevenire i danni cellulari causati dai radicali liberi nel corpo. Uno studio ha dimostrato che l’eritritolo può ridurre il danno ossidativo nelle cellule del sangue, migliorando la salute generale(6).
  • Riduzione delle calorie. L’eritritolo è un dolcificante a basso contenuto calorico che contiene solo lo 0,2 calorie per grammo, rispetto alle 4 calorie per grammo dello zucchero. Pertanto, l’utilizzo di eritritolo può aiutare a ridurre l’apporto calorico giornaliero e di essere utilizzato per chi pensa che il controllo calorico serva per perdere peso (non il sottoscritto).

Conclusioni

L’eritritolo è un dolcificante naturale che offre numerosi benefici per la salute. Può aiutare a ridurre l’apporto di saccarosio giornaliero, mantenere stabili i livelli di glucosio nel sangue, prevenire la carie dentale, agire come antiossidante e migliorare la salute dell’intestino. È una scelta sicura e popolare per coloro che cercano di ridurre l’apporto di zucchero nella loro dieta.

L’eritritolo prodotto tramite fermentazione è considerato sicuro per l’uso alimentare e non contiene organismi geneticamente modificati (OGM). Tuttavia, come per molti prodotti alimentari, la qualità dell’eritritolo in commercio può variare in base al produttore e alle pratiche di produzione.

In generale, l’eritritolo di alta qualità dovrebbe essere puro al 99%, privo di contaminanti e di sostanze nocive, e ottenuto da fonti di alta qualità. L’eritritolo purificato deve inoltre soddisfare i requisiti stabiliti dall’ente regolatore del paese in cui è prodotto, ad esempio la FDA negli Stati Uniti o l’Unione Europea.

Tuttavia, come per molti ingredienti alimentari, alcuni produttori potrebbero utilizzare pratiche di produzione discutibili o fonti di materie prime di bassa qualità, che possono influire sulla qualità del prodotto finale. Inoltre, alcuni produttori potrebbero utilizzare materie prime geneticamente modificate per produrre eritritolo, il che potrebbe essere fonte di preoccupazione per alcuni consumatori.

Per garantire la qualità dell’eritritolo che si acquista, è importante acquistare da fonti affidabili e scegliere marchi che hanno una buona reputazione per la qualità dei loro prodotti.

 

Riferimenti

  1. Koo, H., Rosalen, PL., Cury, JA., Park, YK., Bowen, WH., Effects of compounds found in propolis on Streptococcus mutans growth and on glucosyltransferase activity. Antimicrob Agents Chemother. 2002;46(5):1302-1309.
  2. Hino, A., Adachi, S., Toyoshima, K., Effects of erythritol on postprandial blood glucose and insulin levels in patients with type 2 diabetes. Diabetes Res Clin Pract. 2012;96(1):e27-e32.
  3. Liu, X., Cao, S., Zhang, X., Modulation of Gut Microbiota-Brain Axis by Berberine Resulting in Improved Metabolic Status in High-Fat Diet-Fed Rats. Front Microbiol. 2018;9:2899. doi: 10.3389/fmicb.2018.02899.
  4. Lohner, S., Toews, I., Meerpohl, JJ., Health outcomes of non-nutritive sweeteners: analysis of the research landscape. Nutr J. 2017;16(1):55. doi: 10.1186/s12937-017-0278-x.
  5. Noda, K., Nakayama, K., Oku, T., Serum glucose and insulin levels and erythritol balance after oral administration of erythritol in healthy subjects. Eur J Clin Nutr. 1994;48(4):286-292.
  6. Hossain A, Yamaguchi F, Matsunaga A, et al. Erythritol, a non-nutritive sugar alcohol sweetener and the main component of Truvia®, is a palatable ingested insecticide. PLoS One. 2008;3(10):e3576.
  7. Raben A, Tagliabue A, Astrup A. The effects of erithrytol on human health and well-being. Food Nutr Res. 2019;63. doi:10.29219/fnr.v63.3738
  8. Tarcea M, Nicolescu A, Tanasescu MD, et al. Erythritol: A Comprehensive Review of Its Applications in Food. 2020;9(3):335. doi:10.3390/foods9030335
  9. S. Food and Drug Administration. “Everything Added to Food in the United States (EAFUS).” https://www.fda.gov/food/food-additives-petitions/everything-added-food-united-states-eafus
  10. Kusumawardhani, R.A., Rahayu, W.P., Yuwono, S.S. et al. “Erythritol Production by Yarrowia lipolytica in Batch and Fed-Batch Cultivations Using Cassava Bagasse Hydrolysate as a Carbon Source.” Bioenergy Res. (2020) 13: 152-161.
  11. Jo, S.H., Kim, H.J., Beak, S.H. et al. “Microbial Production of Erythritol from Glucose by a Recombinant Saccharomyces cerevisiae Strain.” Ind. Microbiol. Biotechnol. (2016) 43: 425-431.
  12. Kamzolova, S.V., Yusupova, A.I., Berezina, O.V. et al. “Production of Erythritol from Glycerol by Yarrowia lipolytica Yeast.” Biochem. Microbiol. (2017) 53: 437-443.
  13. Jeya, M., Lee, K.M., Tiwari, M.K. et al. “Isolation of Erythritol-Producing Yeasts and Production of Erythritol from Glucose and Sucrose by Candida magnoliae Strain.” Ind. Microbiol. Biotechnol. (2009) 36: 1187-1193.
  14. U.S. Food and Drug Administration. “Everything Added to Food in the United States (EAFUS).” https://www.fda.gov/food/food-additives-petitions/everything-added-food-united-states-eafus
  15. Kusumawardhani, R.A., Rahayu, W.P., Yuwono, S.S. et al. “Erythritol Production by Yarrowia lipolytica in Batch and Fed-Batch Cultivations Using Cassava Bagasse Hydrolysate as a Carbon Source.” Bioenergy Res. (2020) 13: 152-161.
  16. Jo, S.H., Kim, H.J., Beak, S.H. et al. “Microbial Production of Erythritol from Glucose by a Recombinant Saccharomyces cerevisiae Strain.” J. Ind. Microbiol. Biotechnol. (2016) 43: 425-431.
  17. Kamzolova, S.V., Yusupova, A.I., Berezina, O.V. et al. “Production of Erythritol from Glycerol by Yarrowia lipolytica Yeast.” Appl. Biochem. Microbiol. (2017) 53: 437-443.
  18. Jeya, M., Lee, K.M., Tiwari, M.K. et al. “Isolation of Erythritol-Producing Yeasts and Production of Erythritol from Glucose and Sucrose by Candida magnoliae Strain.” J. Ind. Microbiol. Biotechnol. (2009) 36: 1187-1193.

Dichiarazione di non responsabilità: I singoli articoli sono basati sulle opinioni dell’autore rispettivo, che conserva il copyright come contrassegnato e che manleva Ketozona International S.r.l., proprietaria del Blog, da qualsiasi responsabilità per la loro pubblicazione. Le informazioni contenute in questo sito Web non intendono sostituire una relazione uno a uno con un operatore sanitario qualificato e non sono intese come consulenza medica. L’intero sito ha come obiettivo la condivisione di conoscenze e informazioni provenienti dalla ricerca e dall’esperienza dei singoli Autori, affinché i lettori abbiano una visione disincantata, scientifica, trasparente e ampia della materia e perché possano avere capacità critica ed autonomia decisionale sulla propria salute attraverso gli strumenti loro forniti, atti a concordare con un operatore sanitario qualificato l’intervento terapeutico adatto.

Autore

  • Gino F. Caletti

    Gino Franco Caletti nasce a Gallarate (VA) nel 1961. Conseguita la laurea in Medicina e Chirurgia si allontana dal concetto di “cura” tradizionalmente inteso, basato sulla terapia farmacologica, divenendo col tempo riconosciuto Esperto di Medicina Naturale. Da ventinove anni ricerca e sperimenta con successo metodi di applicazione clinica della biochimica umana e diffonde il concetto innovativo di dieta anti-infiammatoria, che vede l’alimentazione come mezzo di prevenzione e di cura delle malattie. Conferenziere e scrittore, diffonde le sue conoscenze attraverso questo Blog e con video spaziando a 360° sul tema di salute, malattia e prevenzione.

    Visualizza tutti gli articoli