La sfida della valutazione accurata della funzione tiroidea

1.049 Visualizzazioni

Oggi parlerò di un problema “funzionale” legato indirettamente alla tiroide, ma direttamente connesso alla sua area di intervento, evitando di approfondire le patologie intrinseche dell’organo endocrino. Troppo spesso trascurata, questa problematica determina un approccio terapeutico-farmacologico non corretto, non solo inefficace, ma addirittura dannoso. Quando ci rendiamo conto di essere ingrassati, solitamente chiediamo al nostro medico di base di prescriverci gli esami per controllare la funzione tiroidea. La tiroide è nota per produrre sostanze chimiche che regolano il metabolismo, in particolare gli ormoni T3 (in quantità modesta ed insufficiente) e T4. Il T3 stimola il corpo a trasformare in energia i macronutrienti introdotti con il cibo: in particolare, spinge le cellule periferiche a utilizzare glucosio e ossigeno, aumentando le richieste cellulari all’aumentare della temperatura corporea e della frequenza cardiaca, che esso regola. Se tutto funziona come dovrebbe, la tiroide produce una grande quantità di energia sotto forma di calore e lavoro muscolare, a partire dal cibo introdotto. Se la tiroide non lavora correttamente, l’energia cellulare per il lavoro muscolare scarseggia (causando stanchezza) e il corpo immagazzina le scorte cellulari sotto forma di grasso anziché consumarle. Al contrario, se la tiroide funziona troppo, l’eccessiva energia che l’organismo non riesce ad utilizzare in modo efficace sotto forma di lavoro muscolare e metabolismo generale, produce un aumento della frequenza cardiaca che provoca ansia. Spesso la tiroide è il primo organo endocrino a “saltare” dopo che per anni o decenni nell’organismo si è verificata un’infiammazione metabolica cronica, influenzata da fattori ambientali, errori dietetici, inquinamento atmosferico, farmaci e alcol. Inoltre, è frequente che la tiroide funzioni correttamente, ma sia la periferia a non rispondere come dovrebbe. A livello locale, il controllo dei livelli di ormone tiroideo che raggiunge la cellula è regolato da tre diversi enzimi, chiamati deiodinasi, presenti in vari tessuti corporei: la deiodinasi di tipo I (D1) e la deiodinasi di tipo II (D2), che aumentano l’attività cellulare della tiroide convertendo il T4 (inattivo) in T3 (attivo), e la deiodinasi di tipo III (D3), che riduce l’attività cellulare della tiroide convertendo il T4 in T3 reverse (ormone anti tiroideo T3) (1-4). L’attività di ciascuno di questi enzimi varia in risposta a diverse situazioni fisiologiche. Pertanto, la quantità di T4 e T3 che si attiva nelle cellule periferiche è molto più importante dei livelli circolanti di T4 e T3, i quali forniscono poche informazioni sull’effettivo utilizzo di tali ormoni nei tessuti in cui dovrebbero agire. La D1 converte il T4 in T3 in tutto il corpo. La D1, ma non la D2, viene soppressa portando al decremento della conversione T4-T3 in risposta a stress fisiologico o emozionale (5-9), a depressione (10-13), all’aumento della massa grassa e alla resistenza leptinica (14-16), all’insulino-resistenza, all’obesità e al diabete (17-19), all’infiammazione cronica (20-24), alla fibromialgia (25, 26), al dolore cronico (27-30), all’esposizione a tossine e alla plastica (31-35). Tutti i tessuti rispondono a questi fattori con la riduzione della conversione da T4 a T3, ma non la ghiandola pituitaria (l’ipofisi), sede cerebrale della produzione di TSH, l’ormone che stimola la tiroide a produrre i suoi ormoni. L’attività della D1 è più bassa nelle femmine (36), rendendo queste ultime più facilmente sensibili all’ipotiroidismo TESSUTALE, ma non ematico, con una maggior facilità, quindi, verso l’insorgenza di problematiche come depressione, affaticamento, fibromialgia, obesità, nonostante il valore normale di TSH circolante (l’unico che viene solitamente indagato dal medico, il quale in questo caso non prenderà provvedimenti e la sintomatologia resterà). L’ormone stimolante la tiroide (il ben noto e già citato TSH) è prodotto dalla ghiandola pituitaria nell’encefalo e viene regolato dai livelli intra-pituitari di T3, i quali spesso hanno poco o nulla a che fare con i livelli di T3 presenti nelle altre cellule del corpo. Utilizzare il TSH come marcatore della distribuzione di T3 nel corpo e indirettamente come indicatore dello stato funzionale della tiroide significa assumere che i livelli di T3 nella ghiandola pituitaria siano direttamente correlati con i livelli negli altri tessuti e che aumentino o diminuiscano in relazione ai cambiamenti che i tessuti periferici mettono in atto in un numero elevato di condizioni fisiologiche o parafisiologiche. Questo, purtroppo, non corrisponde a verità, essendo dimostrato che i livelli di T3 all’interno della ghiandola pituitaria sono differenti da quelli nelle altre cellule del corpo. Oltre a quanto esposto, diversamente dal fatto che il resto viene regolato sia dalla D1 che dalla D3, la ghiandola pituitaria contiene quantità limitate di D1 e non contiene D3; in questo modo, a regolare i livelli di T3 ipofisario resta la sola D2 (37), la quale è 1000 volte più efficiente nel convertire il T4 in T3 rispetto alla D1 presente al di fuori dell’ipofisi (37, 38). In questo organo, l’80-90% del T4 è convertito in T3 (39), mentre solo il 30-50% del T4 viene convertito nella forma attiva di T3 nei tessuti periferici (40). La D2, inoltre, risponde in modo opposto rispetto alla D1 a stress fisici o emotivi, alla depressione, al sovrappeso, alla PMS, al diabete, alla resistenza leptinica, ecc. La D2, infatti, in queste condizioni aumenta all’interno dell’ipofisi la conversione del T4 in T3, mentre il resto del corpo fa esattamente il contrario, diminuendo i livelli di T3. La conseguenza di tutto ciò è che il TSH resta normale nonostante il resto del corpo sia in condizioni di ipotiroidismo. Eppure per indagare la funzionalità tiroidea ci si avvale del solo TSH. I livelli del T3 intra-ipofisario restano significativamente più elevati rispetto a tutti gli altri tessuti corporei (41, 42). In conseguenza di questo, qualora il TSH sia elevato, anche di poco, significherebbe sicuramente che il resto del corpo è in condizione di ipotiroidismo; ma, a causa della differente fisiologia dell’ipofisi rispetto alla periferia, un TSH normale non può in alcun modo essere usato come indicatore di normali livelli di T3 nelle cellule periferiche del corpo. Inoltre, mentre i livelli serici di T3 possono calare del 30% restando però entro limiti normali, i livelli di T3 tissutale possono scendere dell’80%, producendo a tutti gli effetti una condizione di ipotiroidismo non segnalata dal TSH che resta normale (43). Dunque, in presenza di una siffatta condizione, il TSH è un indicatore non adeguato a segnalare eventuali problemi tiroidei periferici e il TSH non dovrebbe essere considerato un parametro utile a stabilire se il paziente è normotiroideo, specialmente se presenta segni clinici di ipotiroidismo. Probabilmente, il valore di TSH che più di ogni altro indicherebbe una condizione di eutiroidismo (funzionamento tiroideo normale) periferico (che poi è la cosa più importante) è il valore zero o prossimo allo zero. Nel New England Journal of Medicine, Larsen et al. hanno evidenziato che l’ipofisi costituisce un organo unico con una composizione di deiodinasi completamente diversa rispetto al fegato, al rene o al resto del corpo. Pertanto, sia i livelli ematici di T3 che quelli di TSH sono inadatti come indicatori della presenza di T3 periferico (44). Poiché l’ipofisi può rispondere con modifiche nella produzione di T3 in modo del tutto indipendente, la valutazione completa e adeguata della funzione tiroidea richiede molto più di una semplice misurazione dei livelli ematici degli ormoni tiroidei. L’ipofisi è l’unico organo che non contiene D3 (45), il quale, come precedentemente menzionato, converte il T4 nel reverse T3 e concorre con la D1, che ha l’effetto opposto, cioè converte il T4 in T3 (46, 47). Il T3 reverse, inibendo l’effetto del T3, agisce impedendo che questo si leghi ai suoi recettori, annullandone perciò l’effetto (48), rallentando il metabolismo (49), sopprimendo la D1 e la conversione del T4 in T3 (50), bloccando la captazione di T4 e T3 da parte delle cellule (51), portando di fatto all’ipotiroidismo. Poiché molti tessuti possono avere quantità notevoli di D3, mentre esso è assente nell’ipofisi, l’effetto inibitore che avviene ad opera del D3 nei tessuti periferici, fino a causare ipotiroidismo, ancora una volta non viene scoperto da un mero dosaggio del TSH.

Aumenti tissutali di T3 reverse producono dunque il blocco dei recettori per il T3 periferici, i quali possono indurre uno stato di grave ipotiroidismo non registrabile dai test ematici standard (52). Poiché la somministrazione farmacologica di T4 produce solo un aumento della produzione di T3 reverse, farmaci che contengano esclusivamente T4 NON dovrebbero essere utilizzati come terapia di sostituzione ormonale tiroidea in presenza di elevati valori di T3 reverse o se vi sia la possibilità di indurre quest’ultimo evento (53); al contrario, la somministrazione di solo T3 risolverebbe il problema dell’ipotiroidismo in modo brillante (54).

Uno degli organi più importanti dove avviene la conversione del T4 in T3 è il fegato. Tuttavia, il fegato può, a sua volta, essere non propriamente funzionante a causa di infiammazione cronica o steatosi. Dunque, se il fegato, per problemi propri, non è in grado di garantire la conversione di T4 in T3, il risultato finale sarà di ipotiroidismo (almeno epatico), ma, ancora una volta, la tiroide sarà innocente. Tuttavia, come abbiamo visto, spesso l’ipofisi non riesce a registrare un ipotiroidismo periferico, quindi la situazione potrebbe restare non risolta per lungo tempo.

Focus:

La fisiologia della tiroide include l’attivazione e la disattivazione periferica degli ormoni tiroidei da parte degli enzimi deiodinasi. Risulta dunque evidente (almeno per quanto mi riguarda) che gli esami standard per la valutazione della funzione tiroidea spesso non riflettano affatto lo stato della tiroide nei tessuti del corpo e tanto meno nell’ipofisi. Questo è particolarmente vero in situazioni fisiologiche come lo stress, la depressione, l’obesità, l’infiammazione cronica, eccetera. Pare dunque inappropriato considerare livelli bassi o nel range di normalità di TSH come indicatore attendibile di normali livelli di T3 tissutale, mentre un valore ematico tendente allo zero sarebbe forse il più adatto a segnalare una adeguata presenza cellulare periferica di T3 e quindi un eutiroidismo. Consiglio dunque ai pazienti che vogliano indagare il proprio stato tiroideo di rivolgersi a uno specialista della tiroide che sappia valutare con attenzione e competenza tutti gli aspetti possibili e che non si limiti a trattare “il dato di laboratorio” al posto del paziente. La misurazione del rapporto T3 libero/T3 reverse può essere un valido test per valutare la potenziale sregolatezza delle deiodinasi, e il calcolo del metabolismo basale può essere di aiuto nella valutazione globale della funzione tiroidea.

Soluzione metabolica

Ecco alcuni suggerimenti per gestire la tua dieta e l’assunzione di integratori per la salute tiroidea:

  • Eliminare zuccheri e carboidrati derivati del frumento: ridurre l’assunzione di zuccheri e carboidrati derivati dal frumento può aiutare a stabilizzare i livelli di zucchero nel sangue e a gestire l’infiammazione.
  • Aumentare il consumo di uova: le uova sono una buona fonte di proteine e nutrienti essenziali che possono sostenere la salute generale.
  • Assumere integrazione di acido alfa lipoico e carnitina: l’acido alfa lipoico e la carnitina sono integratori noti per sostenere la funzione metabolica e la salute delle cellule.
  • Introdurre olio di cocco: l’olio di cocco contiene grassi sani che possono essere benefici per la salute generale e il metabolismo.
  • Assumere farmaco di sostituzione senza utilizzare T4: se necessario, potresti considerare l’assunzione di farmaci di sostituzione ormonale per la tiroide, evitando l’uso di T4 e cercando alternative che siano più adatte alle tue esigenze specifiche.
Fine parte 3

Bibliografia:

  1. Koenig RJ, Leonard JL, Senator D, Rappaport N, Regulation of thyroxine 5’-deiodinase activity by 3,5,3’-triiodothyronine in cultured rat anterior pituitary cells. Endocrinology 1984;115(1):324-329.
  2. Silva JE, Dick TE, Larsen PR. The contribution of local tissue thyroxine monodeiodination to the nuclear 3,5,3’-triiodothyroinine in pituitary, liver and kidney of euthyroid rats. Endocrinology 1978;103:1196. location of D2
  3. Visser TJ, Kaplau MM, Leonard JL, Larsen PR. Evidence for two pathways of iodothyroinine 5’-deiodination in rat pituitary that differ I kinetics, propylthiouracil sensitivity, and response to hypothyroidism. J Clin Invest 1983;71:992.
  4. Larsen PR, Silva JE, Kaplan MM. Relationship between circulation and intracellular thyroid haomrones: physiological and clinical implications Endcor Rev 1981;2:87.
  5. Chopra IJ, Chopra U, Smith SR, et al. Reciprocal changes in serum concentrations of 3,3’,5-triiodothyronine (T3) in systemic illnesses. J Clin Endocrinol Metab 1975;41:1043–9.
  6. Chopra IJ, Williams DE, Orgiazzi J, Solomon DH. Opposite effects of dexamethasone on serum concentrations of 3,3_,5_- triiodothyronine (reverse T3) and 3,3_,5-triiodothyronine (T3). J Clin Endocrinol Metab 1975;41:911–920.
  7. Bianco AC, Nunes MT, Hell NS, Maciel RMB. The Role of Glucocorticoids in the Stress-Induced Reduction of Extrathyroidal 3,5,3′-Triiodothyronine Generation in Rats Endocrinology 1987 120: 1033-1038,
  8. Reed HL, Brice D, Shakir KM, Burman KD, et al. Decreased free fraction of thyroid hormones after prolonged Antarctic residence. J Applied Physiol 1990;69:1467-1472.
  9. Mebis L, Langouche L, Visser TJ, Van den Berghe G. The type II iodothyronine is up-regulated in skeletal muscle during prolonged critical illness. J Endocrinol Metab 2007;92(8):3330-3333.
  10. Linnoila M, Lamberg BA, Potter WZ, Gold PW, Goodwin FK. High reverse T3 levels in manic and unipolar depressed women. Psychiatry Research 1982;6:271-276.
  11. Kjellman BF, Ljunggren JG, Beck-Friis J, Wetterberg L. Reverse T3 levels in affective disorders. Psychiatry Research 1983;10:1-9.
  12. Jackson I. The thyroid axis and depression. Thyroid 1998;8(10):951-956.
  13. Gitlin M, Altshuler LL, Frye MA, Suri M, Huynh EL, et al. Peripheral thyroid hormones and response to selective serotonin reuptake inhibitors. J Psychiatry Neurosci 2004;29(5):383-386.
  14. Araujo RL, Andrade BM, da Silva ML, et al. Tissue-specific deiodinase regulation during food restriction and low replacement dose of leptin in rats. Am J Physiol Endocinol Metab 2009;296:E1157-E1163.
  15. Leibel RL, Jirsch J. Diminished energy requirements in reduced-obese patients. Metabolism 1984;33(2):164-170.
  16. Dagogo_Jack S. Human Leptin Regualtion and Promis in Pharmacotheroapy. Cur¬rent Drug Targets 2001;2:181-195.
  17. Chamras H, Hershman JM. Effect of diabetes mellitus on thyrotropin release from isolated rat thyrotrophs. Am J Med Sci 1990;300(1):16-21.
  18. Ortiga-Carvalho TM, Curty FH, Nascimento-Saba CC, Moura EG, et al. Pituitary neuromedin B content in experimental fasting and diabetes mellitus and correlation with thyrotropin secretion. Metabolism 1997;46(2):149-153.
  19. Montoya E, Gonzalez C, Lamas L, Jolin T. Changes of the hypothalamus-pituitary-thyroid axis in streptozotocin-diabetic rats during adaptation to a low iodine diet. Acta Endocrinologica 1978;88:721-728.
  20. Van der Poll T, Romijn JA, Wiersinga WM, et al. Tumor necrosis factor: a putative mediator of the sick euthyroid syndrome in man. J Clin Endocrinol Metab 1990;71(6):1567–72.
  21. Stouthard JM, van der Poll T, Endert E, et al. Effects of acute and chronic interleukin-6 administration on thyroid hormone metabolism in humans. J Clin Endocrinol Metab 1994;79(5):1342–6.
  22. Corssmit EP, Heyligenberg R, Endert E, et al. Acute effects of interferon-alpha administration on thyroid hormone metabolism in healthy men. Clin Endocrinol Metab 1995;80(11):3140–4.
  23. Nagaya T, Fujieda M, Otsuka G, et al. A potential role of activated NF-Kappa B in the pathogenesis of euthyroid sick syndrome. J Clin Invest 2000;106(3):393–402.
  24. Zoccali C, Tripepi G, Cutrupi S, et al. Low triiodothyronine: a new facet of inflammation in end-stage renal disease. J Am Soc Nephrol 2005;16:2789–95.
  25. Yellin BA, Reichman AJ, Lowe JC. The process of Change During T3 Treatment for Euthyroid Fibromyalgia: A Double-Blind Placebo-Controlled Crossover Study. The Metabolic Treatment of Fibromyalgia. McDowell Publishing 2000.
  26. Neeck G, Riedel W. Thyroid function in patients with fibromyalgia syndrome. J Rheumatol 1992;19(7):1120-1122.
  27. Lomax P, Kokka N, George R. Thyroid activity following intracerbral injection of morphine in the rat. Neuroendocrinolgoy 1970;6(146):152.
  28. Morley JE, Yamada T, Shulkes A, et al. Effects of morphine addiction and withdrawal on thyrotropin releasing hormone (TRH), somatostatin (SLI) and vasoactive intestinal peptide (VIP). Clin Res 1979;27:75A.
  29. Dons RF. Changes in Triiodothyronine mark severe pain syndrome: A case report. Military medicine 1994;159:6:465.
    30. Lowe JC, Garrison RL, Reichman AJ, et al. Effectiveness and safety of T3 (triiodothyronine) therapy for euthyroid fibromyalgia: a double-blind placebo-controlled response-driven crossover study. Clinical Bulletin of Myofascial Therapy 1997;2(2/3):31-58.
  30. Ellingsen DG, Efskind J, Haug E, Thomassen Y, Martinsen I, Gaarder PI. Effects of low mercury vapour exposure on the thyroid function in chloralkali workers. J Appl Toxicol.2000;20(6):483-9.
  31. Moriyama K, Tagami T, Akamizu T, Usui T, et al. Thyroid hormone action is disrupted by bisphenol A as an antagonist. J Clin Endocrin Metab 2002;87(11):5185-5190.
  32. Santini F, Mantovani A, Cristaudo A, et al. Thyroid function and exposure to styrene. Thyriod 2008;18(10):1065-1069.
  33. Massart F, Massai G, Placidi G, Saggese G. Child thyroid disruption by environmental chemicals. Minerva Pediatrica 2004;58(1):47-53.
  34. Lema, SC, JT Dickey, IR Schultz and P Swanson. Dietary exposure to 2,2´,4,4´-tetrabromodiphenyl ether (PBDE 47) alters thyroid status and thyroid hormone-regulated gene transcription in the pituitary and brain. Environmental Health Perspectives 2008;116:1694–1699.
  35. Harris AR, Vagenakis AG, Braverman LE. Sex-related differences in outer ring monodeiodination of thyroxine and 3,3_,5_- triiodothyronine by rat liver homogenates. Endocrinology 1979;104: 645–652.
  36. Campos-Barros A, Hoell T, Musa A, Sampaolo S, et al. Phenolic and tyrosyl ring iodothyronine deiodination and thyroid hormone concentrations in the human central nervous system. J Clin Endocrinol Metab 1996; 81:2179–2185.
  37. 145. Visser TJ, Leonard JL, Kaplan MM, Larsen PR. Kinetic evidence suggesting two mechanisms for iodothyronine 5_-deiodination in rat cerebral cortex. Proc Natl Acad Sci USA 1982;79:5080–5084.
  38. Larsen PR. Thyroid-pituitary interaction: Feedback regulation of thyrotropin secretion by thyroid hormones. NEJM 1982; 306(1):23-32
  39. Schimmel M, Utiger RD. Thyroidal and peripheral production of thyroid hormones: review of recent finding and their clinical implications. Ann Intern Med 1977;87:760-8
  40. Silva JE, Dick TE, Larsen PR. The contribution of local tissue thyroxine monodeiodination to the nuclear 3,5,3_-triiodothyronine in pituitary, liver, and kidney of euthyroid rats. Endocrinology 1978;103:1196–1207.
  41. van Doorn JD, Roelfsema F, van der Heide D. Contribution from local conversion of thyroxine to 3,5,3_-triiodothyronine to cellular 3,5,3_-triiodothyronine in several organs in hypothyroid rats at isotope equilibrium. Acta Endocrinol (Copenh) 1982;101:386–406.
  42. van der Poll T, Romijn JA, Wiersinga WM, et al. Tumor necrosis factor: a putative mediator of the sick euthyroid syndrome in man. J Clin Endocrinol Metab 1990;71(6):1567–72.
  43. Larsen PR. Thyroid-pituitary interaction: Feedback regulation of thyrotropin secretion by thyroid hormones. NEJM 1982; 306(1):23-32.
  44. Kaplan MM. The Role of Thyroid Hormone Deiodination in the Regulation of Hypothalamo-Pituitary Function Progress in Neuroendocrinology. Neuroendocrinology 1984;38:254-260.
  45. Chopra IJ, Williams DE, Orgiazzi J, Solomon DH. Opposite effects of dexamethasone on serum concentrations of 3,3′,5′- triiodothyronine (reverse T3) and 3,3’5-triiodothyronine (T3). JCEM 1975;41:911-920.
  46. Danforth EJ, Desilets EJ, Jorton ES, Sims EAH, et al. Reiprocal serum triiodothryronine (T3) and reverse (rT3) induced by altering the carbohydrate content of the diet. Clin Res 1975;23:573.
  47. Tien ES, Matsui K, Moore R, Negishi M. The nuclear receptor constitutively active/androstane receptor regulates type 1 deiodinase and thyroid hormone activity in the regenerating mouse liver. J Pharmacol Exp Ther. 2007;320(1):307-13.
  48. Okamoto R et al. Adverse effects of reverse triiodothyronine on cellular metabolism as assessed by 1H and 31P NMR spectroscopy. Res Exp Med (Berl) 1997;197(4):211-7. blocks T3 lower metabolism
  49. Silva JE, Leonard JL. Regulation of rat cerebrocortical and adenophypophyseal type II 5’-deidodinase by thyroxinem triiodothyronine, and reverse triiodothyronine. Endocrinology 1985;116(4):1627-1635.
  50. Mitchell AM, Manley SW, Rowan KA, Mortimer RH. Uptake of reverse T3 in the human choriocarcinoma cell line Jar. Placebta 1999;20:65-70.
  51. Santini F, Chopra IJ, Hurd RE, Solomon DH, Teco GN 1992 A study of the characteristics of the rat placental iodothyronine 5-monodeiodinase: evidence that is distinct from the rat hepatic iodothyronine 5-monodeiodinase. Endocrinology 130:2325–2332
  52. Samuels MH, Schuff KG, Carlson NE, Carello P, Janowsky JS. Health status, psychological symptoms, mood, and cognition in L-thyroxine-treated hypothyroid subjects. Thyroid 2007;17(3):249-58.
  53. Cooke RG, Joffe RT, Levitt AJ. T3 augmentation of antidepressant treatment in T4-replaced thyroid patients. J Clin Psychiatry1992;53(1):16-8.
  54. https://www.nahypothyroidism.org/deiodinases/
 

Dichiarazione di non responsabilità: I singoli articoli sono basati sulle opinioni dell’autore rispettivo, che conserva il copyright come contrassegnato e che manleva VIS LLC, proprietaria del Blog, da qualsiasi responsabilità per la loro pubblicazione. Le informazioni contenute in questo sito Web non intendono sostituire una relazione uno a uno con un operatore sanitario qualificato e non sono intese come consulenza medica. L’intero sito ha come obiettivo la condivisione di conoscenze e informazioni provenienti dalla ricerca e dall’esperienza dei singoli Autori, affinché i lettori abbiano una visione disincantata, scientifica, trasparente e ampia della materia e perché possano avere capacità critica ed autonomia decisionale sulla propria salute attraverso gli strumenti loro forniti, atti a concordare con un operatore sanitario qualificato l’intervento terapeutico adatto.